Il sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.

Per maggiori informzioni sui cookie (con istruzioni per eliminarli e navigare anonimi) consulta l'informativa sui Cookie

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Trattoria Il Libridinoso

logo libridinosoIl locale - nato poco più di 3 anni fa - si trova dentro il Castello di Murlo (SI), a pochi passi da uno dei musei etruschi più importanti al mondo (se non il più importante): l'Antiquarium di Poggio Civitate.


Il neologismo "Libridinoso" vuole includere 3 concetti: libri come simbolo di cultura: la cucina è cultura anche quando è povera (alcune nostre ricette siamo andate a scovarle in vecchi libri o quaderni  di cucina); libidine nel senso più alto del termine, cioè il piacere di ricercare e trasmettere sapori e storia al contempo, ed infine: ibridi come miscellanea di gusti, di sapori, di idee, e di nuovo di culture.

Le sale sono due terrazze, di cui una coperta utilizzabile tutto l'anno, e l'altra scoperta e conseguentemente da utilizzare solo con il bel tempo. La cucina è caratterizzata da una costante ricerca di antiche ricette da riesumare e rianimare per i giorni nostri.
Una cucina quindi "condita" di molte tradizioni e ... qualche tradimento. Tra le specialità: l'antichissimo piatto Pici al Buristo e arancia, Pici con farina di castagne al sugo di scalogno, salsiccia e pecorino romano, ma anche Tagliatelle di SOLA farina biologica di ceci, o Tagliatelle di SOLA farina di piselli. Queste 2 ultime specialità per andare incontro alle mutate esigenze della clientela, all'interno della quale si trova una percentuale sempre maggiore di celiachi, intolleranti, allergici.
libridinoso2Non possono mancare nel nostro menù - per ovvie ragioni - i pici all'aglione, le tagliatelle al cinghiale, il cinghiale in umido alle prugne, il filetto di maiale nel bigoncio, ma non manca neanche la Cipollata del Dottor Parenti (Giovanni Righi Parenti, nostro nume tutelare), o gli gnocchi di patate e cicoria con le spezie del panpepato fatti a mano.
Utilizziamo farine biologiche per fare sia i vari tipi di pasta che il pane, per il quale usiamo pasta madre e cottura nel nostro forno a legna dopo lunga lievitazione. Utilizziamo alcuni presidi S.F. come: cipolla di Certaldo, fagiolo rosso di Lucca, Stortina Veronese.