Il sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.

Per maggiori informzioni sui cookie (con istruzioni per eliminarli e navigare anonimi) consulta l'informativa sui Cookie

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CINA sempre più vicina

cina1Minicorso organizzato dalla nostra Delegazione per 25 studenti cinesi

 

Si è svolto a Siena, organizzato dalla Delegazione FISAR locale, il primo minicorso di avvicinamento al vino per studenti cinesi.

Il corso promosso all’interno dell’Università per Stranieri di Siena, grazie all’interessamento di una docente di lingua italiana, ha riscosso notevole successo tra gli studenti dei corsi Marco Polo e Turandot. Nello specifico gli studenti Marco Polo, sono gli studenti interessati a frequentare le facoltà delle Università italiane, mentre gli studenti Turandot intendono iscriversi alle AFAM (Accademia  Alta Formazione Artistica e Musicale).

Tutti questi studenti, destinati a trascorrere un periodo di circa 2-3 anni in Italia, sono anche molto interessati a conoscerne la cultura. Il vino è uno dei prodotti italiani maggiormente conosciuti nel mondo, che ancora oggi attrae gran parte degli studenti stranieri  vogliosi di conoscere quest’aspetto della nostra tradizione culturale in profondità.

E’ con un’attenzione specifica e mirata a questo particolare tipo di pubblico che in 5 incontri sono state trattate nozioni sul mondo del vino, la sua storia, i  vitigni,  i vini e le zone vitivinicole principali. I colori, i sentori e i sapori del vino ... con particolare accento alla terminologia ed al lessico specifico tradotto attentamente  in lingua cinese.

L’intero corso si è svolto con maestria da parte dei docenti che hanno condotto gli incontri senza scendere troppo nello specifico e mantenendo  vivo l’interesse di ben  ventiquattro giovani corsisti orientali con strategie ludiche  di esperienze sensoriali pratiche, tramite degustazioni guidate e talvolta in abbinamento a cibi tradizionali.

La consegna degli attestati, al termine di una cena conviviale  presso il ristorante “La Finestra”, è stata la meritata conclusione di un breve ma intenso e partecipato  percorso. Un brindisi finale ha rivelato a tutti che “CIN CIN” cinese non è!

cina2